Hic Et Nunc: ecco l’urlo olimpico della nazionale

In vista della grande avventura a Tokyo 2020 del prossimo mese di luglio le azzurre coniano un hashtag che esprime tutta la loro voglia di stupire

MILANO – Lungo un 2019 da sogno, si sono regalate il titolo europeo e la vittoria nel torneo di qualificazione che metteva in palio il traguardo più ambito: un posto alle Olimpiadi di Tokyo, quelle che, nel prossimo mese di luglio, sanciranno il rientro del softball nel programma olimpico passando dalla porta principale.

Le ragazze della nazionale italiana hanno raggiunto i livelli massimi grazie ad una serie di prestazioni da incorniciare.

Partite durante le quali l’altissimo livello tecnico di ciascuna giocatrice ha camminato a braccetto con altri valori assoluti dello sport di squadra: unità di intenti, spirito di gruppo, spirito di sacrificio, altruismo…

Ed è partendo da qui che l’Italia del softball sta preparando lo sbarco nel Sol Levante. Con una bella iniziativa, le azzurre hanno coniato un hashtag che accompagnerà ogni attimo da qui sino a luglio. Hashtag che si rifà ad una locuzione latina che la dice lunga sulle intenzioni della squadra italiana: “Hit Et Nunc”, ovvero “Qui e Ora” giusto per far capire che nulla sarà lasciato al caso, lungo la stagione, da chi vestirà la maglia azzurra.

Così, nei giorni scorsi, approfittando della collaborazione della sartoria teatrale romana “Costumepoque” e invitate da Sublime La Villa in una splendida location divenuta il “set fotografico”, le giocatrici della nazionale hanno posato per una suggestiva immagine che sui canali social è già virale.

#HicEtNunc #hereandnow #tokyoherewecome, sarà quindi la “stringa” per vivere l’avventura olimpica minuto per minuto.

Si comincerà presto, perché il primo grande appuntamento internazionale è alle porte. Dal 30 gennaio al 2 febbraio ci sarà anche l’Italia ai nastri di partenza della Australian Pacific Cup che si giocherà al Blacktown International Sportspark di Sidney. Lungo il cammino, si presenteranno al cospetto dell’Italia Messico, Travelodge Aussie Spirit, Giappone, Nuova Zelanda, Cina Taipei e Australia.

In vista dell’appuntamento australiano, il manager delle azzurre Enrico Oletter ha convocato Andrea Howard e Laura Vigna del Bussolengo, Ilaria Cacciamani, Erika Piancastelli, Beatrice Ricchi del Forlì, Greta Cecchetti, Elisa Cecchetti, Lara Cecchetti, Marta Gasparotto, Giulia Metaxia Koutsoyanopulos del Bollate Softball, Lisa Ann Birocci, Giulia Longhi, Fabrizia Marrone, Alice Nicolini, Alessandra Rotondo del Saronno, Andrea Filler del Northwestern, Alexia Lacatena del Caserta, Melany Sheldon del Caronno, oltre alle “americane” Emily Carosone e Sara Beth Edwards.


Altri articoli Softball