Tanta voglia di Olimpiadi…

Nella giornata di ieri, nella mitica Olimpia è stata accesa la fiaccola che inizia così il suo viaggio verso il tripode di Tokyo

MILANO – Non c’era la gente comune ma solo pochi invitati. Del resto, purtroppo questi sono i giorni del coronavirus e dell’emergenza sanitaria.

Ma nella cornice di una bella giornata di sole, all’interno di un cerimoniale che ha perfettamente rispettato la tradizione, una sacerdotessa si è avvicinata ad una pietra, ha acceso il fuoco e, poco dopo, ha impugnato la fiaccola olimpica, le ha dato luce.

Quindi, mentre in volo si liberavano colombe, ha passato la fiaccola nelle mani di Anna Korakaki, la tiratrice greca che alle Olimpiadi di Rio de Janieiro nel 2016 vinse una medaglia d’oro ed una d’argento. Qualche passo di corsa e quindi, giunta alle porte di Olimpia, l’ellenica ha passato la torcia a Noguchi Mizuki, la maratoneta giapponese che vinse l’oro ad Atene 2004.

E’ iniziato così il conto alla rovescia verso Tokyo 2020, il più atteso evento sportivo sul cui presente gravano le nubi oscure dell’emergenza sanitaria.Il governo giapponese ha però dato ampi margini di sicurezza che tutto si svolgerà secondo i programmi prestabiliti.

Ottimismo velato confermato anche dalle parole del presidente del Comitato Olimpico Internazionale, il tedesco Thomas Bach il quale, alla cerimonia dell’accensione della fiaccola, ha detto che: «Questa cerimonia dimostra ancora una volta il nostro impegno per il successo dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Diciannove settimane prima della Cerimonia di apertura, siamo rafforzati in questo impegno dalle numerose autorità e organizzazioni sportive di tutto il mondo che stanno adottando così tante misure significative per contenere la diffusione del coronavirus». Interpellato sull’eventualità di una sospensione o di un rinvio dei Giochi Olimpici di Tokyo, lo stesso Bach ha chiarito che: «Chiederemo il parere dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Solo se ci sarà da parte di questo organismo la raccomandazione ad agire in modo diverso, decideremo un possibile rinvio dell’Olimpiade di Tokyo».


Altri articoli Cinque Cerchi