Rinviate le Olimpiadi

Il Comitato Internazionale Olimpico e il governo giapponese hanno deciso: si chiamerà ancora Tokyo 2020 ma tutto è rimandato al 2021

MILANO – Non cambierà il nome, ma tutto il resto sì… Nella giornata di oggi, il Comitato Internazionale Olimpico e i rappresentanti del governo giapponese e del Comitato Organizzatore dei Giochi Olimpici di Tokyo, previsti tra luglio e agosto di quest’anno, si sono riuniti per esaminare il rapporto che entrambi avevano richiesto all’Organizzazione Mondiale della Sanità per fare il punto sulla pandemia mondiale per il contagio da Covid-19. I numeri allarmanti (375.000 casi accertati, numero ancora in ascesa) hanno profondamente inciso sulla decisione adottata dal CIO e dal governo giapponese che, in un comunicato reso pubblico nel primo pomeriggio di oggi, martedì 24 marzo, così recita: «Nelle circostanze attuali e sulla base delle informazioni fornite oggi dall’OMS, il Presidente del CIO e il Primo Ministro del Giappone hanno concluso che i Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo devono essere riprogrammati a una data successiva al 2020, ma non oltre l’estate 2021, per salvaguardare la salute degli atleti, di tutti i partecipanti ai Giochi olimpici e della comunità internazionale. I leader concordarono sul fatto che i Giochi Olimpici di Tokyo potessero rappresentare un faro di speranza per il mondo durante questi tempi difficili e che la fiamma olimpica potesse diventare la luce alla fine del tunnel in cui il mondo si trova attualmente. Pertanto, è stato concordato che la fiamma olimpica rimarrà in Giappone. È stato inoltre concordato che i Giochi manterranno il nome di Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020».

Anche lo sport, dunque, alza bandiera bianca di fronte al peggiore degli avversari. Per gli oltre 11.000 atleti che sognavano di vivere l’esperienza più gratificante ed emozionante della loro carriera, l’appuntamento è solo rinviato. Ci rivediamo tra un anno, con l’auspicio che giorni come quello di oggi siano solo un brutto e lontano ricordo.


Altri articoli Cinque Cerchi