La Lombardia indica Baretti

MILANO – La Lombardia calcistica ha deciso: l’indicazione del dirigente lombardo da proporre per il ruolo di Consigliere Federale alle prossime elezioni della FIGC è quella dell’attuale presidente regionale Giuseppe Baretti.

Lo hanno sottolineato le 548 società che si sono recate sabato alla sala riunioni “Alessandro Fregoni” in Via Pitteri a Milano in occasione dell’Assemblea Straordinaria Elettiva proponendo anche per il ruolo di Consigliere Federale Nazionale Stella Frascà, Delegata provinciale FIGC di Genova, e Andrea Montemurro, Presidente della Divisione nazionale calcio a cinque.

“Finalmente è stata accettata – ha detto Baretti prendendo la parola – la richiesta di fissazione delle elezioni FIGC proposta dal 73% delle componenti federali e in tempi ristretti abbiamo provveduto anche all’effettuazione delle Assemblee regionali, nel nostro caso approntando anche a tempo di record il bilancio delle ultime due stagioni per evitare di convocare un’ulteriore assise ai fini dell’approvazione della gestione biennale. La mia designazione al ruolo di Consigliere Federale in rappresentanza dell’Area Nord della LND era già stata effettuata nell’Assemblea dello scorso 23 dicembre, ma poi le elezioni della FIGC sono saltate, è arrivato il commissariamento e ora è ripartito l’iter elettorale. Io metto a disposizione la mia esperienza trentennale di dirigente di società e di 18 anni in ambito federale. Sottolineo, comunque, che l’incarico non è un premio a Baretti, ma alla Lombardia, alle sue qualità e ai suoi numeri, che anche quest’anno hanno tenuto”.

In seguito, le società hanno preso in esame la relazione sulla gestione sportiva e contabile del C.R.L. per il biennio 2016/2017 e 2017/2018. In particolare, il Presidente lombardo Baretti ha evidenziato il rigore amministrativo adottato, che, pur senza toccare gli importi delle iscrizioni e nonostante il calo degli introiti da sanzioni, ha permesso di chiudere in attivo. Inoltre, ha riferito della politica del consiglio direttivo di consultazione costante con le società sui temi di principale importanza attraverso riunioni ad hoc, dell’aggiornamento del sito internet ora maggiormente fruibile e della creazione di un canale telegram per ricevere le notizie sull’attività in tempo reale, della modifica dei campionati giovanili a seguito di apposito sondaggio online effettuato da tutte le società dal quale era emersa la volontà di cambiare, oltre a evidenziare che in questa stagione si sono registrate 61 nuove affiliazioni, che le società in terza categoria sono rimaste pari (378) alla stagione precedente, che sono aumentati i numeri del settore giovanile mentre un leggero calo numerico è avvenuto nella categoria juniores, che pure conta 666 squadre iscritte.

Prossimi appuntamenti saranno ora l’Assemblea nazionale della Lega Dilettanti in programma a Roma il 6 ottobre e l’Assemblea della F.I.G.C. del 22 ottobre 2018.


Altri articoli Calcio